Lo smartphone più potente del mondo: ecco Symetium!

Approdato su IndieGogo, il progetto dello smartphone più potente del mondo che si crede un piccolo computer fa gola a tanti, ma riuscirà a vedere la luce?

Lo smartphone più potente Symetium frontale

Sognare non costa nulla, o almeno questo è quello che ci hanno insegnato quando eravamo bambini, non è così? Purtroppo, la realizzazione del sogno invece costa eccome, e lo sanno bene i membri della startup svedese Symetium che hanno avviato da qualche giorno una campagna di raccolta fondi sulla celebre piattaforma di crowdfounding Indiegogo.

Il loro scopo è quello di riuscire a finanziare un progetto quanto mai ambizioso: stiamo parlando di uno smartphone che può essere tranquillamente utilizzato in sostituzione di un tradizionale pc, con caratteristiche tecniche (ipotetiche) che ne fanno davvero lo smartphone più potente del mondo.

Tutto è iniziato tre anni fa, quando un giovane svedese di nome Jonathan Gustafsson ha palesato sui suoi social la volontà di creare uno smartphone che non avesse limitazioni di alcun tipo, sfidando a viso aperto i prodotti più blasonati delle grandi marche produttrici di elettronica di consumo, e realizzando uno smartphone dall’effetto “wow“.

Dopo numerosi studi e raccogliendo le richieste e osservazioni dei diversi utenti che incappavano tra le righe di descrizione del progetto, Symetium è arrivata al momento clou della progettazione: la raccolta di finanziamenti necessari all’avvio della produzione dello smartphone.

 

Il concetto alla base di Symetium

Un pc desktop travestito da smartphone insomma, ma potrebbe realmente essere un buon prodotto da proporre al pubblico su vasta scala? Del resto, i device mobili sono concepiti per essere tali, mentre i computer (laptop o desktop) per creare una postazione (semi) fissa.

Ed è proprio questo concetto che il giovanissimo Gustafsson mira a spezzare: perchè non posso avere le alte performance di un pc direttamente nella tasca della mia giacca, e ovunque mi trovi?

 

Design dello smartphone computer

Ma come sarà lo smartphone più potente del mondo? Partiamo da un’occhiata all’estetica del device: Symetium si presenta come un dispositivo squadrato e simmetrico, la cui scocca in alluminio segue precise linee parallele che ne disegnano i profili sottili e rettangolari.

Con una diagonale da 5 pollici, questo smartphone resta di dimensioni contenute rispetto agli standard delineati dai phablet attuali, ma conserva una grandezza tale da rendere piacevole l’utilizzo senza affaticare troppo la vista. Certo, se avete intenzione di utilizzarlo costantemente come un sostituto del vostro pc, senza collegarlo a un monitor esterno, allora qualche fastidio alla vista potrebbe portarvelo.

Con il suo resistente rivestimento in alluminio, lo spigoloso Symetium rimane comunque un device sottile (questo almeno nell’idea dell’autore del progetto).

 

Caratteristiche tecniche dello smartphone più potente del mondo

Equipaggiato di un hardware che ora come ora mostrerebbe la targa a tutti i competitor, Symetium sfoggia fieramente:

  • Display da 5 pollici OLED con risoluzione in Full HD (1920 x 1080 pixel) coperto da Gorilla Glass 4
  • Processore Qualcomm Snapdragon 820
  • Memoria Ram da 6 GB
  • Memoria interna da 64, 128 o 256 GB espandibile via microSD per altri 128 GB aggiuntivi
  • Fotocamera posteriore con sensore da 24 megapixel
  • Fotocamera frontale da 5 megapixel
  • Supporto reti LTE
  • Connettività Wifi, Bluetooth, GPS
  • Altoparlanti stereo
  • Certificazione IP67
  • Batteria da 4000 mAh
  • Sistema Operativo Android Marshmallow 6.0 based

Queste le caratteristiche incredibili dello smartphone che vuole provare ad annullare il divario ancora oggi esistente tra mobile e desktop, con i limiti necessariamente presenti nei dispositivi appartenenti alla prima categoria, e la potenza ingombrante dei device facenti parte della seconda. Una chicca che balza subito all’occhio è quella che riguarda il sistema operativo di questo smartphone: un adattamento di Android 6 Marshmallow chiamato Symetium OS, in grado di esprimersi al meglio sia in mobilità che collegato con mouse e tastiera esterni.

Stando al progetto, stiamo parlando di un dispositivo capace di trasmettere in streaming la propria interfaccia su diversi monitor: lo smartphone più potente del mondo promette un certo grado di continuità tra le attività svolte sia direttamente guardando il display dello stesso smartphone, sia passando a un monitor più grande come una tv o uno schermo HDMI.

Un device che, opportunamente collegato con mouse, tastiera e monitor, si trasforma nel cuore pulsante di un vero pc desktop, grazie all’avvalersi delle sue importanti componenti hardware interne che ne permettono l’uso come di un tradizionale pc.

A tal proposito, gli ideatori fanno sapere che sarà possibile utilizzare perfettamente lo smartphone anche senza scheda sim, nel giusto spirito del pc pocket che hanno in mente di realizzare. Un portatile da 5 pollici, insomma!

Per rendere meglio l’idea, sul sito ufficiale Symetium.com hanno pubblicato una carinissima tabella che mostra le differenze in un paragone con iPhone 6s e Samsung Galaxy S6.

Specifiche Symetium vs iPhone 6S vs Galaxy S6

Che cosa notiamo? Nulla di più di un ammasso di dati sterili: è cosa di dominio pubblico che la scheda tecnica di un iPhone impallidisce di fronte al corrispettivo top di gamma di Samsung, ma il punto forte della mela è stato e sarà sempre nell’ottimizzazione della gestione dell’intero sistema operativo, ma questa è un’altra storia.

 

Dubbi e perplessità sullo smartphone pc

Partendo dal presupposto che l’obiettivo prefissato dalla raccolta fondi, per avviare la produzione di Symetium, vola in alto verso il milione e duecentocinquantamila dollari (1,250,000$) in soli 40 giorni, bisogna provare a frenare gli entusiasmi e a tornare con i piedi per terra. A tal proposito, infatti, bisognerebbe considerare un margine di profitto davvero molto basso per riusciure a proporre un device a un prezzo decente e che invogli i consumatori a comprare, e non tutti sono Apple che riesce a proporre uno smartphone a 999 dollari (e a stravenderlo pure!).

Oltre a questo, si segnalano problematiche di tipo pratico come la difficoltà concreta di inserire una batteria da 4000 mAh in uno smartphone senza influire particolarmente sullo spessore dello stesso, che potrebbe livietare considerando le dimensioni importanti del device e le pretese parti hardware interne.

Smartphone Symetium

Inoltre, con un capoprogetto pressocché sconosciuto, la clientela riuscirà a fidarsi e a contribuire non solo alla raccolta fondi ma anche ad acquistare un modello di Symetium? Personalmente non voglio esser disfattista ma sono molto curiosa di veder concretizzato un progetto di questo tipo, non fosse altro che per dare una smossa alle acque e rendere il mercato elettronico ancora più interessante dopo l’uscita dello smartphone più potente del mondo!

Maria Grazia
Seguimi

Maria Grazia

Content editor, giornalista e blogger fondatrice di Tecnologia 360.
Sono esperta in comunicazione online e appassionata di tecnologia, per questo motivo trascorro gran parte delle mie giornate al pc per lavoro ma anche per svago, per leggere, per gingillare sui social network o per studiare le novità del settore.
Maria Grazia
Seguimi
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*