Usare meno lo smartphone rende più felici!

Una ricerca scientifica dimostra che passiamo troppo tempo sullo smartphone: ecco i 10 passi per allontanarsi gradualmente dal proprio device e vivere meglio

Libertà dallo smartphone

Ormai non ce ne rendiamo più nemmeno conto, passiamo ore ed ore chini su quel display illuminato alla ricerca di nuove informazioni, per scoprire le ultime novità dai social network, per cercare di restare connessi con gli amici – anche se poi magari quando usciamo con loro continuiamo lo stesso a usare lo smartphone per un qualsiasi altro motivo –, per controllare le e-mail di lavoro o per non dimenticare di fare qualcosa.

Insomma, ormai siamo sempre più assorbiti dal mondo degli smartphone, e risucchiati nel turbinìo della dipendenza nemmeno ce ne accorgiamo, continuiamo a dire che possiamo tranquillamente farne a meno ma la dipendenza dalla moderna tecnologia continua a non darci tregua.

Da una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Behavioral, che si occupa di temi riguardo i disturbi dello spettro impulsivo-compulsivo, è emerso che in media gli studenti del college passano 9 ore attaccati al proprio smartphone.

Un’enormità, considerando che si tratta di circa 3/5 del tempo che passiamo svegli, ed è per questo motivo che The Verge ha pubblicato un video in cui mostra 10 passi per riuscire a diminuire sensibilmente l’uso dello smartphone e sentirsi meglio, potendo godere da subito dei vantaggi derivanti dalla diminuzione dell’uso del telefono, come l’aumento dell’attenzione in generale e un sonno migliore e più riposante.

Vediamo quindi come disintossicarci dallo smartphone, ma prima di iniziare  suoneria del cellulare disattivata! 😉

 

Detox dallo smartphone #1: Comprare un timer da cucina

timer cucina

E che c’entra mo la cucina con la dieta detox dallo smartphone? C’entra, c’entra, è necessario avere a portata di mano un timer che non sia assolutamente quello del telefono, per compiere il primo step verso la salvezza.

A che cosa serve? Semplicemente a impostare un tempo (minimo) di 15 minuti, durante i quali è severamente vietato l’utilizzo dello smartphone. Dai, che saranno mai 15 minuti senza smartphone, notifiche, led lampeggianti, messaggi, chiamate e chi più ne ha più ne metta?

Il giorno successivo si aumenta il tempo durante il quale si deve restare lontano dallo smartphone a 30 minuti, e si procede così per circa due/ tre giorni, aumentando il tempo di divieto d’uso dello smartphone. Credi di poter accettare la sfida?

 

Detox dallo smartphone #2: Sabato e domenica relax

Relax weekend

Niente storie, il weekend è un momento cruciale della settimana, serve a rilassarsi, ricaricarsi, e prepararsi alla nuova settimana lavorativa, e lo smartphone può essere seriamente fonte di stress.
Via la connessione dati o WiFi dallo smartphone, spegni il segnale dal sabato sera fino al lunedì mattina, non crollerà di certo il mondo se ti prendi il weekend di relax. 🙂

Lo so, all’inizio può sembrare un’impresa impossibile, ma più continuerai nella disintossicazione, più ti sentirai meglio, più sarà facile lasciar dormire il tuo cucciolo tecnologico.

 

Detox dallo smartphone #3: La riscoperta della lettura

Leggere un libro

E del tempo guadagnato dal divieto d’uso dello smartphone? Che cosa ne facciamo? Semplicemente proviamo a impiegarlo per attività più salutari, prima tra tutte la lettura di un buon libro. Prova a utilizzare il tempo lontano dallo smartphone per leggere quel libro che volevi prendere da mesi ma che non hai letto perché non ne avevi il tempo.

 

Detox dallo smartphone #4: Prendere appunti

Allo stesso tempo, prova a utilizzare un quaderno – sì, un quaderno, quelli che abbiamo tanto consumato a furia di inchiostro sui banchi di scuola, gli antenati dei tablet, insomma – per riprendere in mano la penna e ritrovare il contatto con la scrittura. Niente tablet versione “Note“, riscopriamo la scrittura classica, basta sempre e solo digitale…

 

Detox dallo smartphone #5: Annotare tutte le idee

Prendere appunti

E che cosa dovresti scriverci su un quaderno? Tutto ciò che ti passa per la testa, idee riguardo un nuovo progetto lavorativo, ma anche quelle per le mete delle prossime vacanze, spunti per rinnovare l’arredamento della casa o per organizzare una festa. A te la scelta!

 

Detox dallo smartphone #6: Scarabocchiare

Ok, non dobbiamo necessariamente scrivere solo di cose serie e importanti, lasciamo andare libera la fantasia e rilassiamoci. Scarabocchiare spesso è un’attività rilassante che svuota il cervello e aiuta anche la creatività, per non parlare dei flussi di coscienza senza senso, che consistono nell’appuntare tutto ciò che ci passa per la testa, pensieri, idee, parole sconnessi: qualsiasi cosa riesca a liberarti la mente. 😀

 

Detox dallo smartphone #7: Annoiarsi

Non necessariamente bisogna stare sempre in attività, e darsi tempo per annoiarsi potrebbe non essere una cattiva idea. Non lasciarti sopraffare dal desiderio di una partitina con l’ultima app che hai scaricato sullo smartphone, prenditi del tempo per giggioneggiare senza smartphone, anche a costo di annoiarti.
Che poi, c’è davvero bisogno di suggerimenti per combattere la noia?

Un’uscita con gli amici, una passeggiata all’aria aperta, un po’ di musica, un incontro con l’amore della propria vita… Un po’ di creatività, su!

 

Detox dallo smartphone #8: Prenditi una pausa

Ogni tanto dobbiamo riprogrammare il nostro cervello, convincendoci che non avverranno catastrofi mondiali se ci allontaniamo per un po’ dalla vita digitale, e in particolar modo dallo smartphone. In fondo, internet è sempre lì e sarà lì ad aspettarci quando vorremo ricollegarci in qualsiasi momento, quindi perché non prendersi una salutarissima pausa da tutto ciò?

 

Detox dallo smartphone #9: A letto senza smartphone

Smartphone a letto

Non barare, smettila di lasciarti cadere sul letto esausto a fine giornata ritagliandoti forzatamente sempre qualche quarto d’ora (abbondante) per stare appiccicato allo smartphone. Coricarsi con lo smartphone non fa bene, al di là dell’aspetto puramente fisico della cosa riguardante radiazioni e quant’altro, cazzeggiare con lo smartphone prima di addormentarsi non fa affatto bene alla salute.

Hai dato un’occhiata ai tuoi occhi ultimamente? Sono sempre stanchi, rossi e gonfi, hai l’aspetto di uno che non dorme da settimane!

E se soffri di insonnia ancora peggio, è scientificamente provato che il display illuminato dello smartphone prima di addormentarsi provoca un sovraeccitamento del cervello che non riesce ad addormentarsi facilmente o comunque a godere di un sonno riposante.

 

Detox dallo smartphone #10: Relax

Allora, sei riuscito a disintossicarti un po’ dalla dipendenza da smartphone? Prova a rilassarti, anche se ti sembra un oggetto ormai irrinunciabile per la tua vita sociale e lavorativa, ti assicuro che una pausa non può farti che bene. Goditi il relax, inspira, espira…

 

La tecnologia moderna, nelle vesti di smartphone, tablet e quant’altro, ha sicuramente migliorato notevolmente molti aspetti della nostra vita, ma può tendere a provocarci dipendenza. Insomma, usare lo smartphone sì, ma con moderazione, no?

 

Fonte: The Verge

Maria Grazia
Seguimi

Maria Grazia

Content editor, giornalista e blogger fondatrice di Tecnologia 360.
Sono esperta in comunicazione online e appassionata di tecnologia, per questo motivo trascorro gran parte delle mie giornate al pc per lavoro ma anche per svago, per leggere, per gingillare sui social network o per studiare le novità del settore.
Maria Grazia
Seguimi
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*