App Lock: come impostare la password alle app Android!

Fallo sapere agli amici!
Share on Facebook10Tweet about this on TwitterShare on Google+2Share on LinkedIn3Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone

app lockAl giorno d’oggi la preoccupazione per la propria privacy è sempre crescente, ma esiste un modo per proteggere le informazioni contenute nelle applicazioni sullo smartphone, e si chiama App Lock.

Diciamoci la verità, tutti noi abbiamo quell’amico ficcanaso che ogni qualvolta riesce a metter le sue grinfie sul nostro smartphone deve necessariamente andare a intromettersi nelle nostre questioni personali. Ecco dunque che fotografie, SMS, messaggi su WhatsApp, social network e così via, sono in pericolo.

 

Che cos’è App Lock?

Come fare per provare a proteggere la propria privacy? La risposta è utilizzare un’App Lock, ovvero una sorta di lucchetto digitale che riesca a custodire le nostre informazioni personali e a consentire l’accesso soltanto alle persone autorizzate.

 

Come funziona App Lock

Basterà semplicemente installare questa applicazione e in pochi secondi saremo in grado di impostare una password numerica, un codice segreto che conosceremo soltanto noi (e chi vorremo) che darà l’accesso a tutti i dati sensibili presenti nello smartphone.

Quando qualcuno proverà ad aprire una delle applicazioni bloccate con App Lock, gli si presenterà una schermata con una tastiera numerica, che chiederà la password di sblocco per procedere; in caso contrario, l’accesso sarà negato, e il ficcanaso potrà solo desistere dai suoi intenti.

 

Installare e configurare App Lock

Innanzitutto, è necessario naturalmente munirsi di quest’applicazione: aprite il Play Store e cercate app lock. Non spaventatevi se non riuscirete a trovare al primo colpo l’applicazione in questione, dal momento che vi si presenterà sotto il nome di “Serratura”. Scaricate e installate l’applicazione e sarete pronti per configurarla.

Google Play Store

Di primo acchito vi sembrerà di avere a che fare con un’applicazione familiare, merito dell’estetica molto simile a quella di Google Play, che presenta un’organizzazione a pulsanti (colorati) nella parte superiore della schermata, proprio come il market delle applicazioni Android.

La prima cosa che App Lock vi chiederà di fare è quella di impostare la vostra password numerica: avrete a disposizione la tastierina di cui sopra, digitate semplicemente un codice segreto che vi sarà facile ricordare (ma che non sarà altrettanto facile da intercettare da parte dei malintenzionati) e inseritelo nuovamente per conferma. A questo punto vi basterà scegliere per quali funzioni dello smartphone vorrete impostare il blocco: potete bloccare l’applicazione relativa alle e-mail, agli SMS, alla galleria delle immagini, l’agenda, tutte le app dei social network, la rubrica, il tasto per effettuare telefonate, e così via.

Oltre a problematici amici invadenti, l’utilizzo di un’app lock può essere molto utile nel caso in cui abbiate un bambino piccolo che spesso vi chiede di giocare con il vostro smartphone: in questo caso proteggerlo da potenziali accessi a video poco idonei alla sua età, impedirgli di chiamare in Canada con il vostro cellulare, oppure inviare un’e-mail al vostro capo potrebbe rivelarsi particolarmente utile.

Ma App Lock non blocca soltanto l’accesso alle singole applicazioni, ma anche importanti funzioni: previo settaggio è possibile bloccare la visualizzazione della chiamata in arrivo, che permetterà di vedere chi sta chiamando solo inserendo il relativo codice di sblocco; ma ancora impedisce la disinstallazione di applicazioni o l’installazione di nuove, così come l’accensione o spegnimento del WiFi o del Bluetooth, o della connessione dati.

Insomma, grazie ad App Lock sarà facile dare finalmente una giusta protezione alla propria privacy, potendo addirittura impostare dei profili specifici per stabilire cosa e quando bloccare, o ancora impostare il blocco di determinate applicazioni o funzioni a un orario specifico, oppure in un luogo specifico: quando l’applicazione rileverà che vi trovate in quel preciso posto, provvederà a bloccare tutto ciò che desiderate.

Utilizzare l’app lock di Avira

Vi ricordate dell’antivirus per Android? Molti utenti non sanno neppure che oltre alla preziosa funzione di antivirus, Avira è anche in grado di proteggere le applicazioni.

Basta aprire Avira sullo smartphone e tappare su Blocca Applicazioni: ci troveremo di fronte all’elenco di applicazioni installate sullo smartphone e potremo selezionare quelle che vogliamo bloccare con una semplice spunta al lato. Successivamente basterà impostare un pin numerico e il gioco è fatto, ogni volta che sarà aperta una delle applicazioni inserite nell’elenco, sarà richiesto il codice pin per sbloccarla.

Avete mai utilizzato applicazioni del genere di App Lock per proteggere il vostro smartphone? Potete definire positiva la vostra esperienza con un’app di questo tipo?

Maria Grazia
Seguimi

Maria Grazia

Content editor, giornalista e blogger fondatrice di Tecnologia 360.
Sono esperta in comunicazione online e appassionata di tecnologia, per questo motivo trascorro gran parte delle mie giornate al pc per lavoro ma anche per svago, per leggere, per gingillare sui social network o per studiare le novità del settore.
Maria Grazia
Seguimi
Fallo sapere agli amici!
Share on Facebook10Tweet about this on TwitterShare on Google+2Share on LinkedIn3Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*