Google Cardboard: visore di cartone per la realtà virtuale!

Fallo sapere agli amici!
Share on Facebook29Tweet about this on TwitterShare on Google+7Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone

Google Cardboard
Oggi voglio parlarvi di un fantastico oggetto che mi ha affascinato sin da quando ho appreso della sua esistenza: il Google Cardboard.

Questa volta non parliamo di modernissime diavolerie tecnologiche che vi faranno svuotare il portafogli per averle, e che presto rimpiangerete di aver comprato, perché in men che non si dica saranno diventate obsolete. Stavolta parliamo di un oggetto che è tanto rudimentale quanto fantasticamente funzionale, il Google Cardboard è infatti una genialata del mondo moderno che racchiude nella sua esistenza l’essenzialità della tecnologia.

Curiosi? Cerchiamo di capire meglio che cos’è questo Google Cardboard!  😀

 

Google Cardboard: l’oggetto che non ti aspettavi

Mamma Google è da sempre nota per il semplice fatto di essere un mastodontico colosso della tecnologia, onnipresente in qualsiasi campo, da quello dei motori di ricerca a quello dei sistemi operativi – con il suo amatissimo open source dal robottino verde – , ma con questo oggetto ha davvero superato se stessa, offrendo agli appassionati una possibilità per provare, seppur in modo estremamente basilare, l’esperienza dei visori per la realtà virtuale.

 

Che cos’è un Google Cardboard

Concretamente, il Google Cardboard è un cartoncino che va ripiegato seguendo un preciso criterio, assemblato con un paio di lenti specifiche, un magnete, una chiusura a velcro e un semplicissimo elastico che possa tenere il nostro attacco d’arte appiccicato sulla faccia.

Il Google Cardboard è dotato di due fori che ospiteranno le lenti e nei quali bisogna guardare, ma è anche sagomato in modo tale da poterlo tranquillamente appoggiare sul naso come una normalissima mascherina da lavoro, e in realtà rappresenta un vero e proprio visore 3D.

Mi stai prendendo in giro? Come funziona questa sottospecie di binocolo per bambini?

 

Il funzionamento di Google Cardboard

Google Cardboard ha un meccanismo di funzionamento semplice: basta prendere il proprio smartphone e inserirlo nell’alloggio dedicato, ovvero esattamente davanti alle lenti nelle quali ci appresteremo a guardare il mondo virtuale in 3D, grazie alla visualizzazione stereoscopica proiettata dal nostro device. Una volta richiuso lo smartphone all’interno del visore, esattamente davanti ai nostri occhi, potremo indossare il Google Cardboard e sperimentare la semplicità e la bellezza della realtà virtuale.

smartphone nel google cardboard

Questa sorta di scatoletta di cartone, altrimenti nota come Google Cardboard, non fa altro che ampliare la visuale dello smartphone, in modo tale da restituirci l’esperienza tridimensionale, simulata grazie ad apposite applicazioni facilmente reperibili sul Play Store.

 

Che cosa posso fare con Google Cardboard?

omino street view

Pegman di Street View

Praticamente tutto quello che potete fare con un visore per la realtà virtuale, ma uno degli aspetti riguarda – manco a dirlo – ancora una volta la stessa Google, che insieme ai suoi strumenti Maps e Street View ci lascerà davvero a bocca aperta.

Nello specifico, sarà possibile osservare le bellissime foto panoramiche a 360 gradi di Street View, portandoci finalmente all’interno della mappa e indossando per la prima volta i panni del famoso omino arancione che ci permette di entrare letteralmente tra le strade cercate.

 

Come avere un Google Cardboard?

Se quello che abbiamo detto fin qui vi sembra già abbastanza allettante e volete assolutamente provare la fantastica esperienza del Google Cardboard, avete due possibilità

  1. Costruire personalmente il Google Cardboard fai-da-te
  2. Comprare tuttto il kit necessario all’assemblaggio del visore

Se siete amanti del fai da te e volete provare in prima persona l’ebbrezza di costruire un visore fatto a mano, avete necessariamente bisogno del progetto di Google Cardboard, di cui potete effettuare il download cliccando sul pdf scaricabile qui sotto. Seguite le istruzioni e costruite il visore fatto a mano, dopodiché siete pronti all’avventura!

Download PDF per costruire il Google Cardboard: Google_Cardboard_Project.

Se, invece, non avete voglia di perder tempo con cartone, forbici e colla, potete acquistare il Google Cardboard da uno dei produttori segnalati da Google a un prezzo dai 20 ai 35 dollari, a seconda del modello:

 

Ora voglio proprio sapere: che cosa ne pensate di questo progetto di Big G? Pensate di costruire il visore rudimentale o di comprarne uno già pronto da assemblare? In ogni caso, fatemi sapere le vostre impressioni sul progetto Google Cardboard!  😀

Maria Grazia
Seguimi

Maria Grazia

Content editor, giornalista e blogger fondatrice di Tecnologia 360.
Sono esperta in comunicazione online e appassionata di tecnologia, per questo motivo trascorro gran parte delle mie giornate al pc per lavoro ma anche per svago, per leggere, per gingillare sui social network o per studiare le novità del settore.
Maria Grazia
Seguimi
Fallo sapere agli amici!
Share on Facebook29Tweet about this on TwitterShare on Google+7Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone
Loading Facebook Comments ...

2 thoughts on “Google Cardboard: visore di cartone per la realtà virtuale!”

  1. mauro says:

    PENSO DI AUTOCOSTRUIRLO
    MA CHE LENTI CI VANNO?????

  2. Maria Grazia says:

    Ciao Mauro,
    Google specifica che bisogna utilizzare lenti biconvesse con lunghezza focale da 40 millimetri.
    Come queste:
    http://www.edmundoptics.co.uk/optics/optical-lenses/double-convex-dcx-spherical-singlet-lenses/40-49-9mm-experimental-quality-double-convex-dcx-singlet-lenses/20821

    Facci sapere com’è andata, attendiamo tue notizie dall’esperimento! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*