Hands Free: paga con Google senza prendere lo smartphone

Google sta sperimentando un nuovo sistema di pagamento che permette ai suoi utenti di pagare negli esercizi commerciali grazie allo smartphone, ma senza estrarlo dalle tasche o dalla borsa: ecco come funziona Hands Free

Hands Free by Google

Ci risiamo, la famosa società di Mountain View riprova l’affondo dal versante dei pagamenti da mobile, e questa volta lo fa in modo innovativo e decisamente interessante, come da tradizionale firma di Google.
Da poco Google ha presentato la sua nuova applicazione, Hands Free, che permetterà di acquistare beni o servizi “senza mani” presso negozi aderenti all’iniziativa.

Google è da sempre interessata all’universo dei pagamenti mobili, ce lo ha lasciato vagamente intendere con il suo Google Wallet e ancor di più con Android Pay, impegnandosi in prima linea per l’ammodernamento dei pagamenti attraverso l’ausilio dello smartphone, cioè l’oggetto che ormai è parte integrante della nostra vita e che ci portiamo costantemente dietro.

Qualcuno ha azzardato l’appellativo di pagamenti vocali, qualche altro non ha ancora ben afferrato il reale meccanismo di Hands Free, tanti invece si mostrano scettici nei confronti di questa novità, a causa di un funzionamento forse ancora troppo lontano dalla nostra quotidianità, ma scopriamo nel dettaglio cos’è e come funziona questo futuristico sistema di pagamento.

Come si usa Hand Free di Google

Cerchiamo di capire bene in cosa consiste questo nuovo sistema di pagamento ancora in fase di test e sviluppo, provando a immaginare in quali scenari potrebbe essere sfruttato.

Hai deciso di fermarti per una pausa pranzo da McDonald’s, consumi il tuo panino e ti rechi alla cassa per pagare, ma ordini una porzione di patatine da mangiucchiare al pc più tardi: tra il sacchetto da portar via e le mani unte, l’ultima cosa che vorresti fare è tirar fuori il portafogli oppure frugare nella borsa nel tentativo di scovare il borsellino, no?
Poi ci pensi: hai con te il fido smartphone!

Beh capirai, che cambia se devo comunque prendere lo smartphone? Cambia l’oggetto, ma l’impiccio resta lo stesso!

Non secondo la prospettiva di Google: ti basterà dire al cassiere la formula magica Pago con Google, e in men che non si dica sarai libero di andartene via avendo pagato senza troppi intralci né conteggi di spicci vari.

Come funziona questo sistema di pagamento

Non è magia, certo, e nemmeno il cassiere sarà stato tanto sprovveduto dal crederti sulla parola, ma avrà azionato un sistema – quello di Google, per l’appunto – che è stato in grado di identificarti e di addebitare l’importo sulla tua carta di credito o debito, associata a Hands Free.

Ma cosa dovrai fare per sfruttare le incredibili potenzialità di Hands Free?

  1. Scaricare e installare l’applicazione Hands Free sul tuo smartphone
  2. Configurare la stessa con una tua foto in cui sei ben riconoscibile
  3. Inserire i dati della tua carta di credito o debito
  4. Avere lo smartphone con te quando dovrai pagare

Una volta configurata correttamente Hands Free, compatibile sia con dispositivi Android dalla versione 4.2 in su che con iPhone 4S o superiore, non dovrai fare altro che recarti nell’esercizio commerciale preferito, avendo cura di controllare se quest’ultimo ha aderito al programma Google Hands Free.

Google Play Store

itunes

In caso positivo, potrai pagare semplicemente dicendo Pago con Google, e a quel punto il cassiere attiverà un sistema dal suo registratore di cassa che chiederà conferma al tuo smartphone.
Lo smartphone, che potrai tenere comodamente nei jeans, in borsa, al braccio o nella tasca interna della giacca, darà un feedback al dispositivo del negoziante, che potrà visualizzare sul suo monitor una tua foto con il tuo nome e cognome.

Dandoti un’occhiata potrà stabilire se effettivamente corrispondi al soggetto ritratto in foto e procedere con l’addebito dell’importo dovuto sulla tua carta.

Completata quest’operazione, avrai pagato e potrai lasciare il locale.

La fase di sperimentazione

Attualmente Google Hands Free è in fase di sperimentazione e perfezionamento in un’area di San Francisco, dove gli utenti che vogliono provare il nuovo sistema di pagamento possono pagare a mani libere in alcuni punti della grande catena di McDonald’s o Papa John’s, e presso qualche altro negozio selezionato per l’esperimento.

Sembra anche che Google voglia velocizzare il processo di identificazione, e renderlo più preciso attraverso l’ausilio di una particolare telecamera di cui sarà dotato il negozio per il pagamento: questo dispositivo farà una rapida scansione del tuo volto per stabilire se corrispondi alla foto del tuo profilo Hands Free, senza passare per la comparazione affidata al cassiere ma in modo del tutto tecnologico.

Privacy

Google, si sa, sta molto attenta alle sue creazioni anche dal punto di vista della privacy, e infatti anche in questo caso non si smentisce:

  • Sarà possibile confermare l’identità del cliente solo richiedendogli le iniziali del nome e del cognome
  • La foto scattata dalla telecamera installata nel negozio sarà immediatamente cancellata, non potrà essere recuperata dal negoziante né memorizzata nei server di Google
  • Il numero della tua carta di credito o debito non sarà mai mostrato completamente all’esercente

Tutto questo basterà a far fidare gli utenti di questo strano sistema di pagamento?

Hands Free funzionerà davvero?

Non è la prima volta che si tenta un’impresa del genere, un’idea simile era stata già sperimentata dal grande PayPal e da Square, ma è finita in un nulla di fatto a causa della scarsità di adesioni al programma.
Pur tenendo conto dei tempi che cambiano e della nostra sempre più digitalizzazione e conoscenza della tecnologia, e dell’importanza di Google in questi settori, è difficile vedere realizzata un’opera di tale pretesa entro il breve termine.

Se non vogliamo tener conto dello scetticismo dei clienti nei confronti di un sistema che a primo impatto sembra essere così macchinoso, bisogna pur considerare che difficilmente i commercianti si adegueranno a un tipo di sistema del genere, soprattutto se per le apparecchiature specifiche dovranno farsi carico delle spese senza poter contare su un riscontro in linea di massima apprezzabile.

E tu cosa ne pensi di questo sistema di pagamento?
Sei propenso alle innovazioni da questo punto di vista o non ti sentiresti al sicuro dovendo pagare con un sistema Hands Free?

Maria Grazia
Seguimi

Maria Grazia

Content editor, giornalista e blogger fondatrice di Tecnologia 360.
Sono esperta in comunicazione online e appassionata di tecnologia, per questo motivo trascorro gran parte delle mie giornate al pc per lavoro ma anche per svago, per leggere, per gingillare sui social network o per studiare le novità del settore.
Maria Grazia
Seguimi
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*