Mini PC a 9 dollari? Si chiama CHIP!

Fallo sapere agli amici!
Share on Facebook3Tweet about this on TwitterShare on Google+4Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone

chip mini pcIl mercato dei mini pc è un segmento che negli ultimi tempi sta davvero passando alla ribalta: veri e propri computer dalle dimensioni estremamente ridotte tanto da diventare tascabili, in grado di eseguire le basilari operazioni informatiche a prezzi stracciati.

In questo articolo vi parlerò di un mini pc che ha attirato particolarmente la mia attenzione: si tratta di CHIP, un minuscolo computer single board più piccolo di una carta di credito (misura solo 6 x 4 centrimetri), al centro di una delle campagne di Kickstarter per raccogliere soldi atti a finanziare il progetto.

 

Com’è fatto il mini pc CHIP

Vi ricordate del mini pc Raspberry Pi? Oppure della chiavetta di Intel che in realtà è un computer? Li abbiamo già incontrati precedentemente su Tecnologia 360, e questo piccolo CHIP ne ricalca perfettamente le orme: una piccolissima scheda contenente tutto il necessario per avere un pc di base extra, a dimensioni e costo estremamente contenuti.

In particolare, questo mini pc possiede:

  • Processore Cortex A8 con frequenza da 1 GHz
  • GPU Mali 400
  • Memoria RAM DDR3 da 512 MB
  • Memoria interna da 4GB
  • Porta USB
  • Connettività Wifi e Bluetooth 4.0
  • Sistema Operativo Linux Debian

Serve aggiungere altro? Praticamente il mini pc CHIP ha tutto l’occorrente per utilizzare un computer nelle operazioni ordinarie, con una memoria interna sufficiente per archiviare documenti o immagini, una porta USB per collegare periferiche utili all’uso, WiFi per collegarsi a internet facilmente e Bluetooth per connettere in modo pratico tastiera e mouse.

Infine, Linux è in grado di coniugare la velocità e fluidità del sistema operativo del pinguino con la comodità di un’interfaccia non troppo complicata da assimilare anche per i veterani utenti di Windows.

 

Che cosa si può fare con questo mini pc

cosa fa un mini pc

Veniamo al sodo: a che cosa può servirmi un mini pc come questo? A un sacco di cose come la creazione o modifica dei documenti, la navigazione su Internet, il controllo della posta elettronica, la riproduzione di film o video e l’intrattenimento di giochi non eccessivamente avidi di risorse.

Così come sottolinea il team di CHIP, questo mini pc è destinato al lavoro, al gioco e a tutto quel che c’è in mezzo. 😀

 

Gli accessori del mini pc

Scorrendo tra le righe della campagna di Kickstarter, è possibile notare l’offerta di CHIP, che può variare in base al contributo versato per sostenere il progetto: si passa da un’interfaccia VGA a quella HDMI, per collegare il mini computer a qualsiasi schermo, ma ciò che colpisce è il singolare PocketCHIP.

Si tratta di un accessorio che permette di utilizzare CHIP in mobilità, essendo dotato di un display da 4.3 pollici touchscreen di tipo resistivo, una batteria da 3000 mAh per l’autonomia e una tastiera QWERTY, il tutto racchiuso in una custodia protettiva per il piccolo pc.

pocketchip

 

Come avere il mini pc CHIP

Premesso che CHIP sarà in spedizione per tutti coloro che hanno partecipato alla campagna di finanziamento a partire da gennaio 2016, e che il lancio ufficiale per tutti avverà presumibilmente intorno a maggio dell’anno prossimo, è doverosa una precisazione.

CHIP costa davvero 9 $ nella sua versione base, ma per poterlo portare in Italia bisogna aggiungere circa 20 $ per il trasporto, per un totale di quasi 26 € totali.

In effetti, 26 euro non sono poi una cifra esosa da sborsare per ottenere un computer di base extra, che potrebbe essere utile in molteplici occasioni

Che cosa ne pensate di questo nuovo CHIP? Siete mai stati interessati all’acquisto di un mini pc?

Maria Grazia
Seguimi

Maria Grazia

Content editor, giornalista e blogger fondatrice di Tecnologia 360.
Sono esperta in comunicazione online e appassionata di tecnologia, per questo motivo trascorro gran parte delle mie giornate al pc per lavoro ma anche per svago, per leggere, per gingillare sui social network o per studiare le novità del settore.
Maria Grazia
Seguimi
Fallo sapere agli amici!
Share on Facebook3Tweet about this on TwitterShare on Google+4Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*