Samsung Galaxy Note 5: il phablet dei desideri!

Fallo sapere agli amici!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+1Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone

Lo scorso 13 agosto Samsung ha presentato ufficialmente il suo nuovo Galaxy Note 5, un gioiello di tecnologia ed eleganza al servizio dell’utente, che si candida come miglior device della casa coreana di sempre.

Samsung Galaxy Note 5

Atteso, desiderato e bramato: al solito i nuovi device di Samsung sono ricercati e ambiti da migliaia di consumatori in tutto il mondo, e nemmeno questa volta il nuovo Galaxy Note 5 fa eccezione.
Ma questa volta, forse, il nuovo dispositivo Samsung è ancora più ricercato: un design elegante come non mai, materiali di altissima qualità, un comparto hardware da capogiro e prestazioni ancora più al top.
Chi non vorrebbe mettere le mani su un Galaxy Note 5?

Scopriamo questo capolavoro della tecnologia mobile analizzandolo dai diversi punti di vista!

 

L’importanza di chiamarsi Galaxy Note 5

Possiamo dire di stare a fantasticare sulle incredibili e mirabolanti caratteristiche del Galaxy Note 5 praticamente già dall’arrivo in commercio del suo predecessore Galaxy Note 4, e questo a “causa” dei diversi siti del settore che hanno iniziato a stuzzicarci sin da subito, con possibili novità implementate nel nuovo mostro tecnologico di Samsung.
Del resto si sa, la linea Note è certamente la più pregiata, potente e sognata di tutta la produzione Samsung, che non delude nemmeno quest’anno con il suo vero pezzo forte, presentato in anticipo rispetto al tradizionale evento dei primi di Settembre – forse per anticipare Apple e i suoi iPhone 6s?
Vere e proprie novità non ce ne sono, quanto più si tratta di accorgimenti che però faranno davvero la felicità dei possessori di Galaxy Note 5.
Come ad esemprio la definitiva adozione di materiali pregiati come il vetro e il metallo, passando per la sempre più rifinita S-Pen e impreziosendo il tutto con una scheda tecnica da favola.

 

Galaxy Note 5: il fascino di un phablet Samsung

Galaxy Note 5 latoGià soltanto a guardare le immagini facilmente reperibili in rete – non solo quelle promozionali di Samsung, ma soprattutto quelle degli svariati hands-on – vien voglia di adottare un Galaxy Note 5 per la vita.
Un phablet che si presenta raffinato e solido allo stesso tempo, con una scocca lucida, quasi specchiata, liscia ma dalla buona ergonomia.
Il retro di Galaxy Note 5 è protetto da uno strato di Gorilla Glass 4, che oltre a conferire un aspetto molto più fine al device è anche in grado di proteggerlo a dovere.
Niente caratteristica “edge” per questo Galaxy Note 5, quindi nessun bordo con display arrotondato, sebbene dalla parte posteriore è possibile notare un certo stondamento dei bordi che garantisce una presa più salda del dispositivo.
Nel complesso, a un primo sguardo sembra di avere a che fare con un dispositivo più grande del solito, ma nella pratica le dimensioni smentiscono questo effetto ottico – che comunque offre grandi vantaggi in termini di visualizzazione.

Design ricercato ma pulito, un aspetto lucido e la solidità del metallo curvato nei lati sono sicuramente le caratteristiche estetiche che più balzano all’occhio del Galaxy Note 5, che lascia stupefatti anche per l’alta luminosità anche se esposto alla luce diretta del sole, e con visuale ottima a qualsiasi angolazione.

 

La rinnovata S-Pen di Galaxy Note 5

Ma non è un vero note se non possiede il fantastico pennino di Samsung, che in questa versione si presenta più facile da sfilare grazie al meccanismo push & pull, e alla precisione sempre maggiore a contatto col display di Galaxy Note 5.
Nella quinta edizione di Galaxy Note, il menu contestuale di S-Pen raggiunge un’ampia visibilità, dal momento che basta sfilare il pennino dal device per far comparire su tutto il display il menu Air Command. Quest’ultimo permetterà con un solo tocco di raggiungere le applicazioni tipiche del note come sempre, ma stavolta Samsung ha ben pensato di aggiungere qualcosa di più personalizzato per l’utente. Ed ecco quindi che una delle scorciatoie di air command può essere impostata, in modo tale da essere a portata di penna, la propria applicazione preferita, qualunque essa sia.

Galaxy Note 5 S-Pen

Ancora una chicca è rappresentata dall’incredibile capacità di Galaxy Note 5 di prendere appunti senza necessità di sbloccarlo: senza perdere troppo tempo, basterà estrarre S-Pen e scrivere l’appunto direttamente sul display spento del phablet, che memorizzerà il tutto.

Unico neo sembrerebbe la possibilità di inceppare il pennino nel suo alloggiamento: se per caso dovesse essere inserito al contrario potrebbe bloccarsi all’interno del Galaxy Note 5.
Ora, partendo dal presupposto che risulterebbe alquanto sciocco reinserire la S-Pen al contrario, forzarne l’estrazione potrebbe irrimediabilmente rompere il meccanismo che ne consente l’aggancio nella posizione giusta.
Sembra, però, che sia sufficiente armarsi di un po’ di carta e farla scivolare accanto alla S-Pen, per permettere al componente interno che blocca la penna di sbloccarsi senza troppi problemi.

Galaxy Note 5 ai raggi X

Eccoci giunti alla parte tecnica di questo eccezionale dispositivo, il miglior Samsung di sempre, che è equipaggiato di:

  • Display Super AMOLED da 5.7 pollici con risoluzione 2560 x 1440 pixel
  • Processore octa-core Exynos 7 7420 con frequenza a 2.1 Ghz
  • GPU ARM Mali-T760 MP8 da 772 Mhz
  • Memoria Ram da 4 GB
  • Memoria interna nei tagli da 32 e 64 GB non espandibile via microSD (a causa del corpo unibody del telefono)
  • Fotocamera posteriore da 16 megapixel con sensore migliorato e apertura F1.9, con stabilizzatore ottico e flash LED
  • Fotocamera anteriore dedicata ai selfie da 5 megapixel
  • Connettività Wifi, Bluetooth, GPS
  • Supporto reti LTE
  • Lettore di impronte digitali
  • Sensore per la frequenza cardiaca
  • Batteria da 3000 mAh
  • Sistema Operativo Android Lollipop 5.1.1 con interfaccia TouchWiz

Cioè, in parole povere?
Il Galaxy Note 5 possiede un display molto ampio, luminoso e visibile a qualsiasi angolazione, con un processore a otto core affiancato dai 4 GB di Ram che permettono un uso intenso senza particolari impuntamenti del device.
Inoltre, la fotocamera è stata ancora migliorata e permette di ottenere scatti davvero magnifici, sia con il sensore posteriore che con quello anteriore.
E se da un lato lo chassis unibody fa titubare per l’impossibilità di espandere la memoria interna, dall’altro non dovrebbero esserci troppi problemi per la batteria non estraibile, dal momento che l’autonomia del phablet ha subito ulteriori miglioramenti ed è in grado di ricaricarsi in soli 90 minuti.

 

Dove, quando e a quanto arriva il Galaxy Note 5

Galaxy Note 5 Gold

Troppo bello per essere vero?
Al momento per noi customers europei sembra proprio di sì: Samsung non ha accennato alle direttive commerciali di Galaxy Note 5 in Europa – tantomeno in Italia – provando a spingere maggiormente sul Galaxy S6 Edge+.
Intanto, il Galaxy Note 5 è disponibile dal 21 agosto negli Stati Uniti e in Canada a un costo di 696 dollari per la versione a 32 GB, e 792 dollari per quella a 64.

E a noi?
Non resta che consolarci con Galaxy S6 Edge+, di cui vi ho parlato in un articolo dedicato, nell’attesa di un ripensamento di Samsung su Galaxy Note 5.

 

Maria Grazia
Seguimi

Maria Grazia

Content editor, giornalista e blogger fondatrice di Tecnologia 360.
Sono esperta in comunicazione online e appassionata di tecnologia, per questo motivo trascorro gran parte delle mie giornate al pc per lavoro ma anche per svago, per leggere, per gingillare sui social network o per studiare le novità del settore.
Maria Grazia
Seguimi
Fallo sapere agli amici!
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+1Share on LinkedIn1Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*